“Percorrendo” la biodiversità del Pollino

Domani 6 aprile torna “Il tratturo dei frutti antichi”, una giornata dedicata alla biodiversità agricola del Parco Nazionale del Pollino. L’evento è stato organizzato l’evento dall’Alsia, l’Agenzia Lucana di Sviluppo ed Innovazione in Agricoltura, con la sua Azienda Agricola Sperimentale Dimostrativa “Pollino” di Rotonda (PZ), in collaborazione con il Parco Nazionale del Pollino, l’amministrazione di San Severino Lucano e l’Associazione di agricoltori custodi “Vavilov”.Giunta alla quinta edizione, la manifestazione si svolgerà in agro di San Severino Lucano, cuore del Pollino, con lo scopo di recuperare, tutelare e valorizzare la biodiversità di interesse agrario di quello straordinario comprensorio, sensibilizzando sull’argomento la popolazione residente e i giovani in età scolare. L’appuntamento con “Il tratturo dei frutti antichi” è previsto per le ore 9,30 presso il sito di conservazione seminaturale di “Frida”: in quella località sono stati realizzati negli anni scorsi più di 500 innesti di 150 varietà di pero e melo su semenzali spontanei.Nel corso della giornata, sono inoltre previste interessantissime attività dimostrative sugli innesti, con la partecipazione degli agricoltori custodi dell’Associazione “Vavilov” e degli studenti delle scuole agrarie. Un'ottima occasione dunque per conoscere le ricchezze del Pollino e scoprire i segreti dell'agricoltura.

Uno scrigno sul Pollino

Il 21 aprile prossimo si festeggerà il primo anno dell'Ecomuseo del Pollino, realizzato presso il complesso monumentale Santa Maria della Consolazione di Rotonda. Uno “scrigno nello scrigno”, l’interessantissima struttura museale che un anno fa è stata aperta al pubblico incarnando l’intero patrimonio floristico e faunistico del Pollino. Come per il Parco stesso, anche in questo caso a farsi fiero simbolo, il particolarissimo pino loricato che da decenni svetta tra le rocce. Un laboratorio aperto e dinamico capace di coinvolgere i visitatori di tutte le età all’interno della struttura e nel parco stesso. Un percorso di continue scoperte capace di regalare con pannelli interattivi una visita sempre nuova e personalizzabile grazie all’ausilio dei nuovi linguaggi della comunicazione museale, e di immagini, filmati, ricostruzioni in grafica 3d, ambientazioni tattili, visive e auditive che rendono questo percorso una esperienza sensoriale indimenticabile. Un nuovo approccio al concetto di musealizzazione che punti sulla continua valorizzazione di ambiente e tradizioni locali. Un museo e un percorso adatto a tutti che vale la pena intraprendere alla scoperta del meraviglioso paesaggio naturale e culturale del Pollino, confine e incontro naturale tra Basilicata e Campania.

Armatevi di ciaspole e sci, il divertimento è sul Pollino!

È finalmente arrivata la tanto attesa neve in Basilicata e con il suo arrivo si armano di sci e ciaspole i tanti appassionati delle lunghe passeggiate nella neve. Le nevicate degli ultimi giorni, che hanno interessato il Parco Nazionale del Pollino, hanno finalmente riaperto, in un panorama ovattato particolarmente suggestivo, la stagione delle ciaspole sui sentieri più battuti del Parco. Con temperature che in alcune località hanno raggiunto i quindici gradi sotto lo zero, il Pollino si conferma anche quest’anno come una delle località italiane più frequentate dagli amanti delle alture. Partono le escursioni nei fiabeschi paesaggi innevati del Pollino, dove il candore della neve e l’azzurro del cielo si incontrano, per respirare atmosfere magiche ed uniche e godere di panorami spettacolari da cartolina. Fervono anche i preparativi per un’iniziativa unica nel centro-sud Italia: Ciaspolando verso sud, che popolerà il Pollino il prossimo 6 marzo. Si tratta di una gara amatoriale con le ciaspole, giunta quest’anno alla sua terza fortunata edizione e che si terrà in località Piano Ruggio del comune di Viggianello. Segnaliamo a tutti coloro che volessero partecipare a questa entusiasmante iniziativa, i portali dedicati alle escursioni sul Pollino. Il Parco Nazionale del Pollino, per chi ama camminare e divertirsi sulla neve, un vero e proprio paradiso.

Emozionarsi sospesi sul Pollino

Il Parco Nazionale del Pollino è per le sue dimensioni il più grande parco d’Italia e una delle tante meraviglie del sud della nostra penisola. Indiscusso scrigno di particolarissime specie animali e vegetali, è certamente una meta privilegiata per gli amanti dello sport all’aria aperta e delle passeggiate a piedi a cavallo.Grazie al progetto di sviluppo locale ArtePollino, dal 2008 si è voluto promuovere questo affascinante territorio sostenendo ogni forma di espressione artistica, soprattutto contemporanea. Le tante opere d’arte, realizzate con lo scopo di essere integrate perfettamente con il territorio in cui dovevano essere collocate, rappresentano sicuramente grandi attrazioni emozionali e un’ottima occasione per conoscere questa terra.Quasi tutti i paesi del versante lucano del Pollino sono stati coinvolti in questo progetto e sicuramente una delle installazioni artistiche più curiose e apprezzate è quella ad oggi collocata nel borgo di San Severino Lucano. Si tratta della grandiosa opera d’arte RB Ride realizzata da uno dei più grandi artisti viventi al mondo di arte contemporanea: Carsten Höller.L’installazione è una  colorata giostra con seggiolini che girano in cerchio e allo stesso tempo si inclinano verso il suolo, compiendo un giro ogni quarto d'ora. Sicuramente un’esperienza unica ed un insolito punto di vista da cui poter ammirare le tante bellezze del Pollino. 

Nordic Walking Days sul Pollino

Ti piacerebbe immergerti in una foresta attraversando l'Area Faunistica dei Cervi per raggiungere poi l'affascinante sorgente del Mercure?

Non perdere l'appuntamento a Viggianello il 31 maggio e il 1° giugno 2014 per una escursione guidata praticando il Nordic Walking (camminata nordica) alla scoperta delle bellezze naturalistiche e paesaggistiche del Parco Nazionale del Pollino.

L'obiettivo che Identity Formation srl, ST Consulting e l'Associazione A.S.D. Pollino Discovery si ripropongono è quello di collaborare con gli stakeholder territoriali quali neti pubblici e associazioni; in particolare, l'Associazione Rete Vie Francigene Basilicata e l'Associazione Territori Lucani, al fine di promuovere, valorizzare e far riconoscere a livello regionale, nazionaleed europeo il patrimonio di interesse naturalistico, culturale, sorico, artistico ed enogastronomico della Basilicata.

Il documentario SKY sui cavalli del Pollino

Uno scenario affascinante, unico. Centinaia di splendidi cavalli, lì sugli altipiani del più grande Parco Nazionale d'Italia. Una scoperta fantastica per le telecamere di Family Life che, raggiunti le vette, si sono lasciate incantare dallo spettacolo dei cavalli in libertà. Una ricchezza ed una risorsa ma anche un fenomeno che le autorità locali cercano di gestire nel migliore dei modi per garantire un giusto equilibrio fra l'uomo e la natura. Una sosta su queste distese è d'obbligo per chi ama vivere a stretto contatto con la natura. Mandrie di cavalli docili ed imperiosi che sembrano mettersi in posa per farsi ammirare in tutta la loro .... libertà!

Verso i Monti

Cavalli Equiturismo

Una preparazione meticolosa. 30 cavalieri si porteranno sui sentieri che conducono in vetta. Il percorso non è difficile ma i tratturi che i cavalli dovranno percorrere richiedono comunque una discreta preparazione alle passeggiate in gruppo. Cavalieri provenienti dalla Puglia, Campagna e chiaramente dalla Basilicata. La carovana è guidata dalle Giacche Verdi, una garanzia di sicurezza e di passeggiata in tutta tranquillità.